https://hookupwebsites.org/it/elizabeth-gilbert-cosa-ho-imparato-dellamore/Elizabeth Gilbert: cosa ho imparato sull'amore
Affiliate Disclosure

Elizabeth Gilbert: cosa ho imparato sull’amore

Elizabeth Gilbert: cosa ho imparato sull’amore
Copertina.Firma diTutte le cose

Dopo un difficile divorzio e un’insoddisfacente relazione di ripresa, Elizabeth Gilbert si è presa una pausa dalla vita di tutti i giorni e ha intrapreso un viaggio in Italia, India e Bali, per ritrovare la gioia e ritrovare spiritualità ed equilibrio. La sua ricerca è diventata la base del suo libro di memorie più venduto Mangia Prega Ama .

Ha anche trovato l’amore lungo la strada, che i milioni di persone che hanno letto il libro o visto il film omonimo, con Julia Roberts e Javier Bardem, hanno potuto osservare da soli.

Ora Gilbert ha scritto il suo primo romanzo in una dozzina di anni, La firma di tutte le cose , una storia avvincente di amore, avventura e scoperta. oh La rivista lo ha definito “il romanzo di una vita” e il giornale di Wall Street lo definisce “l’opera più ambiziosa e puramente immaginata di [Gilbert’s] 20 anni di carriera”.

La firma di tutte le cose segue le sorti della straordinaria famiglia Whittaker attraverso il XVIII e il XIX secolo, concentrandosi in particolare su Alma Whittaker, botanica, che si innamora di Ambrose Pike, artista. Sono una coppia improbabile, ma è la loro ricerca dell’illuminazione che li unisce mentre ci accompagnano nel loro viaggio di scoperta in tutto il mondo.

Quindi, chi meglio di Gilbert, che è ancora sposato con Jose Nunes – l’uomo che ha incontrato e di cui si è innamorata a Bali, per discutere di questioni di cuore? Continua a leggere per scoprire cosa ha imparato sull’amore.

eH: Dimmi prima, cosa ami di più della tua vita in questo momento?

PER ESEMPIO: Oh, mio Dio, due cose. Amo la mia relazione felice e amo la mia libertà creativa. È divertente perché Freud ha sempre detto che lo scopo della psicoanalisi e il punto di entrare nella salute mentale era per due ragioni: così che tu potessi amare e lavorare. Perché quando sei nella tua vita, con gli ostacoli della tua mente e i tuoi problemi, queste sono le due cose che non riesci mai a risolvere del tutto. Per avere una vita sana, penso che tu abbia bisogno di entrambe queste cose. Sono davvero molto grato in questi giorni per avere un amore sano e un lavoro sano, entrambi i quali hanno molta libertà incorporata in loro – molta disciplina e molta libertà.

eH: Pensi che sia più importante essere amati o amare?

PER ESEMPIO: Penso che sia una falsa scelta. Penso che ciò si accompagni a una strana, drammatica idea di sacrificio di sé e di martirio che abbiamo nella cultura occidentale, che dice sempre che bisogna rinunciare a qualcosa per poter ricevere qualcosa. In realtà penso che tu possa avere entrambi.

eH: Qual è la cosa più difficile dell’amore?

PER ESEMPIO: Penso che più ami, più ti apri al potenziale di essere un giorno molto ferito. Questo vale per le amicizie così come per le relazioni romantiche e anche per la tua famiglia, giusto? Cosa si dice: più vicino è il coltello, più profondo è il taglio? Penso che sia un’espressione italiana. Le persone più vicine a te hanno il maggior potere di farti del male. Quindi questo è il rischio. Ma devi tirare quei dadi.

eH: Quando diresti che è stata la prima volta che hai davvero trovato l’amore?

PER ESEMPIO: Mi sono innamorato praticamente ogni minuto della mia vita. Innamorarsi non è mai stato un problema per me. Sostenere l’amore è un problema per me. Non appena ho sentito la parola per la prima volta, penso di essermi già innamorato dell’idea dell’amore.

eH: L’amore significa qualcosa di diverso per te ora rispetto a 10 anni fa?

PER ESEMPIO: Grazie a Dio, sì, e ancora più diverso rispetto a 20 anni fa. Penso di aver avuto molte difficoltà tra i 20 ei 30 anni anche a distinguere la differenza tra infatuazione e amore. Ero molto eccitato dall’infatuazione perché l’infatuazione è molto eccitante. È una droga. Ma non è necessariamente la stessa cosa dell’amore. In realtà, non lo è mai. Quindi penso che avendo rinunciato alla mia dipendenza dall’infatuazione, sono stato finalmente in grado di avere una cosa come il vero amore.

eH: Come fai a sapere se qualcuno è The One?

PER ESEMPIO: Credo che sia una risposta diversa per tutti. Penso per me, direi la persona che ti permette di essere il massimo di te stesso senza volerti trasformare in 25 modi diversi, o senza che tu senta il bisogno di trasformarti in 25 modi diversi per mantenere l’approvazione di quella persona o conquistare il loro affetto. Qualcuno che pensa che esattamente chi sei sia totalmente perfetto, è quello giusto. Allo stesso modo, nell’altra direzione.

eH: In seguito, credi che ci sia solo un’anima gemella per ogni persona, o è possibile che ci siano più corrispondenze là fuori?

PER ESEMPIO: Penso che ci siano più, e più, e più corrispondenze là fuori. Penso che l’idea dell’anima gemella sia una delle idee più pericolose e fraintese nell’universo romantico. Penso che danneggi davvero le persone più di quanto le aiuti perché pone la posta in gioco incredibilmente alta.

Credo che ci siano persone là fuori che sono anime gemelle, ma ho scritto di questo in Mangia Prega Ama . Sono arrivato a credere che non dovresti necessariamente passare la tua vita con quella persona. Il compito di un’anima gemella è di tenere lo specchio davanti a te e mostrarti tutto di te che hai bisogno di vedere. A volte è incredibilmente doloroso. Di solito è intenso e non necessariamente crea una relazione confortevole o addirittura nutriente.

Quindi penso che a volte il lavoro di un’anima gemella sia entrare e svegliarti, farti cambiare, e poi andartene ed uscire dalla tua vita, in modo che tu possa andare a trovare un partner, che è quello che penso tu sia veramente dovrebbe lavorare per più di un’anima gemella. Ci sono molte scelte per i partner.

eH: Allora, parlando di partner, di cosa si ha bisogno in un partner per far sì che la relazione abbia successo?

PER ESEMPIO: Penso che ci siano bisogni fondamentali che le persone hanno. Penso che siano diversi da persona a persona, quindi non credo che ci sia una risposta universale su questo. Penso che quello che puoi dire universalmente è che la cosa veramente importante per te stesso capire quali sono i tuoi bisogni principali e poi cercare qualcuno che risponda a quelli.

Dì che la tua fede è la cosa più importante della tua vita, probabilmente non te la caverai molto bene con un ateo scettico. Dì che la cosa importante nella tua vita è l’indipendenza, allora potresti non andare bene con qualcuno che è davvero appiccicoso e dipendente. O dire che la cosa più importante nella tua vita è avere una famiglia e stare con qualcuno che vuole essere uno zingaro, probabilmente non funzionerà.

Non credo che tu possa davvero nemmeno sapere quali sono i tuoi bisogni fondamentali finché non raggiungi una certa età e finalmente impari a conoscere te stesso. Allora sei in una situazione migliore per scegliere la persona giusta.

eH: Che consiglio hai per le persone che stanno lottando con l’amor proprio?

PER ESEMPIO: È così strano da dire. Spero di riuscire a trasmetterlo correttamente perché è stato molto prezioso per me quando qualcuno me lo ha detto: se ti odi o non riesci ad amare te stesso, allora una delle domande che devi porti è: perché pensi Sei così speciale? So che suona controintuitivo, ma perché pensi di essere così speciale da meritarti disprezzo per te stesso e odio quando tutti gli altri nella tua vita, probabilmente sono molto indulgenti e accettanti?

L’autocommiserazione è strano. È narcisismo, ma è narcisismo travestito da odio, piuttosto che amore. Ma è pur sempre una specie di narcisismo. Dice che io solo non sono degno. Quindi ti stai ancora mettendo in una categoria diversa da tutti gli altri.

Qualcuno me l’ha detto una volta, mentre stavo attraversando un periodo di disprezzo per me stesso e mi sono davvero svegliato dicendo che non c’è molta differenza tra il disprezzo di me stesso e l’egocentrismo. Entrambi riguardano davvero il mettere te stesso al primo posto. Se puoi allontanarti da questo, avere una piccola valutazione e provare a guardarti come un estraneo piuttosto che come il te con cui sei così familiare, allora puoi iniziare a riconoscere che questa è una persona che è degna di amore , cose buone, felicità e contentezza. Questo è l’inizio della compassione verso il sé.

eH: Qualche consiglio per le donne che cercano ancora l’amore romantico? Soprattutto chi ha più di 30 anni.

PER ESEMPIO: Prima di tutto se hai più di 30 anni, quello è il momento in cui dovresti cercare l’amore. È così divertente perché tutte le ricerche che ho fatto sul matrimonio, avendo scritto un intero libro sul matrimonio [ Impegnato: uno scettico fa pace con il matrimonio ], ha dimostrato che quasi non puoi aspettare troppo a lungo. So che c’è questo panico culturalmente innato che le donne dovrebbero provare quando hanno raggiunto una certa età e non hanno ancora trovato The One. Dovrebbero sentirsi insoddisfatti o che hanno perso la loro occasione.

Statisticamente parlando, questo è del tutto falso. I matrimoni più felici del mondo sono i matrimoni che avvengono quando le persone sono più anziane. Più invecchi in generale, migliori sono le decisioni che prendi sulla tua vita. Tutti noi prendiamo decisioni migliori quando siamo più grandi rispetto a quando siamo più giovani. [Età] ti fornisce la migliore possibilità di trovare qualcuno che sia il migliore per te.

eH: A che età hai scoperto il tuo scopo? Pensi che tutti condividiamo uno scopo nella vita, o è diverso per tutti?

PER ESEMPIO: Penso che ognuno abbia uno scopo diverso nella vita, che è ciò che rende la vita così difficile. Se solo fosse così semplice. Penso di essere stato davvero fortunato perché ho sempre saputo di voler essere uno scrittore e non ho mai avuto interesse per nient’altro. Quindi in un modo che lo ha reso più facile perché mi ha dato una messa a fuoco univoca. Ma in un altro modo, ha reso la mia vita più difficile perché ero così concentrato su quello che ho lasciato altre parti di me stesso trascurate.

Penso di aver sentito che poiché conoscevo già la risposta, non dovevo fare molto del lavoro. È quasi come se mi sentissi come se avessi la guida dell’insegnante che conteneva la risposta e la risposta era: vai a fare lo scrittore e tutto sarà fantastico per te.

Quindi ho davvero sviluppato le mie capacità nella mia vita professionale, ma non ho davvero recuperato molte delle cose emotive e psicologiche che stavano succedendo nella mia vita – e poi hanno raggiunto me. Poi ho scoperto che avevo altri scopi oltre ad essere uno scrittore. Ho anche dovuto imparare a essere una persona matura, amorevole e disponibile.

eH: Un’ultima domanda. Tu e Jose vi siete conosciuti in un ambiente tropicale. Ora vivi nel New Jersey. Immagino che la domanda per me sia: come fai a scendere a compromessi per far funzionare una relazione? Il New Jersey ha dei posti incantevoli, ma è così diverso da Bali.

PER ESEMPIO: Quello che amo che funziona con noi è che siamo entrambi veri vagabondi. Mio marito ha meno attaccamento al posto di qualsiasi essere umano che abbia mai incontrato in tutta la mia vita. E idem per gli oggetti materiali. Non conosco nessuno che abbia bisogno di meno di quello di cui ha bisogno. Non si preoccupa e non si preoccupa nemmeno di dove si trova. Non gli piace essere freddo, questa è una cosa.

Quindi viaggiamo molto durante i mesi invernali. Ha figli in Australia e torniamo spesso in Indonesia. Altrimenti, semplicemente non gli piace essere intrappolato. Inoltre non mi piace essere intrappolato e penso che il motivo per cui la nostra vita nella nostra tranquilla cittadina del New Jersey funzioni è perché ci ripetiamo costantemente l’un l’altro: “Guarda, nel momento in cui non vorrai essere qui, solo fammi sapere. Andremo. Dove vuoi andare? Vuoi trasferirti in Francia? Vuoi andare in Costa Rica? Dimmi solo una parola e poi ci libereremo di questa casa e noi lo farò.”

Penso che il fatto che entrambi ci rassicurino a vicenda tutto il tempo sia ciò che rende comodo essere qui, perché penso che se uno di noi due si sentisse come se l’altro stesse dicendo: “Posso solo vivere qui. Devo essere all’interno di questa non esistenza con queste persone”, penso che ci sentiremmo davvero soffocati da questo.

Quindi penso che il fatto che ognuno di noi abbia una carta che ci è permesso giocare in qualsiasi momento dice “Va bene, abbiamo finito”. Poi l’altro farà le valigie e se ne andrà. Penso che questo lo renda di successo. È una patologia che condividiamo, ma almeno la condividiamo. Siamo entrambi davvero disposti a lasciar andare le cose e scappare senza preavviso.

Suhrudhaa
Suhrudhaa
Suhrudhaa
MS, RD e scrittore
Suhrudhaa ha una mentalità empatica e non giudica mai le altre persone, indipendentemente da quello che stanno passando. È in grado di comprendere i problemi dei suoi clienti e l'empatia le consente di trovare le cause e i consigli sulla via da seguire.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere