https://hookupwebsites.org/it/non-posso-aiutare-me-stesso-un-intervista-con-meredith-goldstein/Non posso aiutare me stesso: un'intervista a Meredith Goldstein
Affiliate Disclosure

Non posso aiutare me stesso: un’intervista a Meredith Goldstein

Non posso aiutare me stesso: un’intervista a Meredith Goldstein

Meredith Goldstein è l’editorialista di consigli per Il Boston Globe ‘s Love Letters, che le dà accesso a tutti i tipi di storie legate a questioni di cuore, per i suoi lettori. Il suo libro di memorie Can’t Help Myself è uno sguardo alla donna dietro la colonna. L’ho trovato divertente in alcuni punti, commovente e profondamente riconoscibile.

Ho incontrato Meredith per parlare un po’ del libro e vedere che consiglio ha da darci.

Mi parli del tuo libro?

Questo libro è un libro di memorie di un editorialista di consigli: me. Quando sono stato contattato per la prima volta per scrivere un libro, gli editori erano interessati a un libro di memorie e il mio primo pensiero è stato Chi se ne frega? A chi importa cosa sto facendo nella mia rubrica? Spesso do consigli e non parlo della mia vita.’ Così ho iniziato a pensare: c’è una storia da raccontare qui? La verità è che ho iniziato la rubrica dopo una rottura, una rottura che non vedevo arrivare. Ho avuto il via libera per scrivere la rubrica e poi ho avuto la rottura e a mia madre è stato diagnosticato un cancro. Stavo rispondendo a tutte queste domande da persone che attraversavano disordini come stavo attraversando io stesso disordini. Penso che sia sempre molto più facile dare un consiglio che accettarlo, ma volevo davvero dire alla gente come la rubrica mi ha aiutato nella mia vita reale e come la vita reale ha influenzato la rubrica.

Per ogni capitolo includo anche una o due lettere relative a quel capitolo. Mi sembrava davvero che fosse un buon modo per mostrare alla gente: ecco la storia. Puoi vedere molto chiaramente come la mia vita e la colonna siano diventate questa cosa simbiotica. Per quanto dubitassi del livello di interesse, sono cresciuto leggendo le colonne dei consigli ed ero disperato di sapere: quali sono le vite personali di Ann Landers o Carolyn Hax? Chi sono queste persone e come sono nella loro vita reale? Penso che tu dia per scontato ciò che sai di te stesso, ma da quando è uscito il libro ho sentito dire da molte persone che si sentono meglio, che siamo un po’ tutti insieme.

Qual è la cosa più difficile nel rispondere alle lettere dei lettori e qual è la più gratificante?

La cosa più difficile è che non ho pillole magiche per tutti questi problemi. Quindi, quando qualcuno dice Come incontro qualcuno?’ che è davvero la domanda più comune, vorrei poter semplicemente dire Ecco la risposta.’ Allo stesso modo, quando la gente dice Come faccio a superare una rottura?’ Vorrei avere un dardo magico tranquillante che li facesse sentire meglio. Non ho una risposta facile che funzioni per tutti, specialmente con queste due domande, quindi può essere frustrante. Sono stato in entrambe queste situazioni e vorrei poterlo rendere facile, ma non faccio magie.

La cosa più gratificante è che spesso le persone mi scrivono e mi dicono che si sentono meglio, o si sentono meno sole, o hanno una nuova prospettiva sul loro problema. Soprattutto con la moderna rubrica dei consigli, c’è la posta elettronica, non è solo una lettera spedita come una volta. Mi terrò in contatto con queste persone. Nello scrivere il libro, ho rivisitato molte vecchie lettere e ho contattato gli ex scrittori per vedere che erano in posti completamente diversi – e in molti casi molto più felici – è stato davvero un carburante per l’ottimismo.

Questo libro parla della tua rubrica ma anche della tua vita, comprese alcune stagioni molto difficili. Come è cambiata la tua prospettiva sull’amore e le relazioni durante gli eventi del libro?

Penso che sia anche specifico per l’età: inizio questa rubrica nei miei primi anni ’30 con la sensazione che tutti si sposino tranne me. Il libro mi porta dalla metà all’inizio dei miei ultimi trent’anni e ci sono voluti alcuni anni per rendermi conto che a volte ti vedi attraverso la lente di ciò che manca e fai supposizioni su ciò che hanno tutti gli altri. Penso che dal terzo capitolo del libro comincio a rendermi conto che puoi essere in una relazione e da solo e puoi essere in una relazione e sentirti come se non avessi amici. Penso di essere stato molto meglio nel corso del libro nel rendermi conto che abbiamo questa comunità più grande – a volte c’è un partner romantico, a volte no – ma penso che specialmente in un momento in cui c’è questa ondata di matrimoni, puoi sentirti come ecco questo vuoto spalancato, e non è così semplice. Anche se avessi trovato un ragazzo perfetto, non era di questo che si trattava. Penso che sia quello che i personaggi: mia madre, mia sorella, tutte queste persone nel libro erano in un costante stato di lotta: lo sto facendo bene? Sto mettendo la giusta energia nelle giuste relazioni e ho abbastanza sostegno nella mia vita?’ Penso che sia quello che ho imparato nel libro, che attraverso una malattia familiare, attraverso matrimoni, rotture, che non si trattava mai solo di una persona o della sua mancanza, riguardava tutti questi pezzi commoventi e tutte queste persone nel mio vita. Penso che ad un certo punto del libro il mio atteggiamento cambi da non ho questa persona e sto fluttuando nell’aria ‘a guardare questa grande comunità che ho’.

Vuoi dare un piccolo consiglio ai nostri lettori? Quali parole di saggezza hai per coloro che sperano di trovare l’amore?

Penso che con gli appuntamenti online e gli appuntamenti tramite app possa sembrare un lavoro. Penso che sia fantastico perché vorrei sempre che mia madre avesse avuto delle app quando era appena divorziata – era solo che Internet non era ancora stato inventato – e quindi era davvero isolata in periferia. Non riesco nemmeno a immaginare come incontrasse le persone. Ma penso che il rovescio della medaglia sia che puoi sempre guardare. A queste letture che ho fatto, dirò alle persone che potresti essere su Tinder in questo momento. Potresti essere su eHarmony adesso. Potresti sempre fare questa cosa. Potresti pensare costantemente alle tue possibilità.’ Penso che per i tuoi lettori in particolare direi che ai vecchi tempi non dovevi farlo a tempo pieno, e se inizia a sembrare un lavoro orribile, ti è permesso fare delle pause, sei mi è permesso dire, sai, il venerdì è il mio giorno in cui esaminerò tutte queste opportunità. Ho conosciuto persone single che dicevano “Bene, ora ho solo sprecato un intero pomeriggio”. Questa idea di perdere tempo perché non lo perseguivi attivamente come un lavoro. Penso che sia giusto prendere fiato. Prenditi cura di te stesso in modo che la stanchezza degli appuntamenti non influenzi negativamente la tua capacità di essere un buon appuntamento. Se pensi che uscirò e sarò un pessimo appuntamento, non va bene per nessuno.

Mentre questo libro esce nel mondo, quali sono alcune delle tue speranze per i tuoi lettori?

Spero che vedano che ci sono tanti modi per farlo. Inizio il libro come qualcuno che è così sconvolto per una rottura, ma non perché vuole sposarsi con dei figli. Non sapevo cosa volevo, che è parte del problema, ma non vedevo lo stesso finale per me stesso come per le altre persone. Ci sono persone nel libro che vedono queste cose come un finale di gioco, e va bene anche questo. Ci sono molte opportunità e molte opzioni.

Spero che trascendano alcune delle cose cliché che pensiamo sulle relazioni. Penso che una delle cose che volevo trasmettere nel libro fosse: parliamo di questo concetto di malattia e salute, e lo ascoltiamo nei voti. Ho sempre immaginato che un partner si prendesse cura dell’altro, giusto? Ma la malattia e la salute sono un concetto molto più ampio: per mia sorella era prendersi cura di mia madre, ma era anche prendersi cura della sua relazione. La persona malata non era suo marito o il suo ragazzo. A volte, quando dobbiamo essere il custode di un membro della famiglia, la nostra relazione è la cosa che viene ignorata. Non è necessariamente quello a cui pensiamo quando lo sentiamo in un voto a un matrimonio. Quindi spero di aver preso alcuni di quei triti Ecco cosa sappiamo dei detti sulle relazioni, e di averli resi un po’ più dinamici di così.

Penso anche, non lo so, forse questa è solo una cosa da donne, ma penso che arrivi questo momento in cui quando sei l’ultima persona single o non vuoi sposarti, dove ti senti come me sulle conseguenze, ei miei amici sposati non mi capiscono.’ C’è una cosa che accade spesso nel libro: ho questa migliore amica, Jess, e continuo a non chiamarla. Ne ho parlato diverse volte nel libro: e non l’ho chiamata qui, e non è la mia prima telefonata qui, perché ho sempre pensato che fosse troppo occupata, o che avesse questi bambini, e non volevo imporre. E ho pensato, mentre scrivevo il libro, “Beh, che esperienza solitaria per lei”. Voleva essere imposta. Era, ed è, la mia migliore amica. Quindi sentirsi come se questa persona fosse entrata in una nuova fase della sua vita non significa che sia meno presente per te, e che abbia altrettante insicurezze su ciò che può offrire. È interessante, mi dice sempre: non voglio parlare sempre dei miei figli». Adoro sentire parlare dei suoi figli. Quindi facciamo molte supposizioni su come sono le persone single, come sono le persone sposate e come siamo diversi, e non sono necessariamente sicuro che sia tutto esatto.

Cara Strickland scrive di cibo e bevande, salute mentale, fede ed essere single dalla sua casa nel nord-ovest del Pacifico. Le piace il tè caldo, il buon vino e le conversazioni profonde. Vorrà sempre giocare con il tuo cane. Connettiti con lei su Twitter @anxiouscook.

Sue
Sue
Sue
MS, RD e scrittore
Sue è un'eccellente coach, particolarmente concentrata alla risoluzione di problematiche legate all’informazione.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere