https://hookupwebsites.org/it/relazioni-do-we-over-think/Pensiamo troppo alle relazioni?
Divulgazione di affiliazione

Pensiamo troppo alle relazioni?

Pensiamo troppo alle relazioni?

La canzone numero uno dell’anno è stata “Sweet Georgia Brown”. Charlie Chaplin ha dominato il botteghino e F. Scott Fitzgerald ha pubblicato “Il grande Gatsby”. Era l’età di Al Capone e Louis Armstrong. Un francobollo di prima classe costa $.02. Era il 1925.

È stato anche l’anno in cui il diciottenne Clarence Vail ha proposto alla sua fidanzata di 16 anni Mayme. Si sono sposati a Hugo, Minnesota e sono rimasti così per 83 anni, come riportato da MSNBC.com. Il loro segreto? Non hanno segreti! “Immagino che tu ti attenga ad esso, qualunque cosa accada”, dice Mayme.

Sono sopravvissuti a una guerra mondiale, a una depressione, a sei figli, a vari problemi di salute; e Mayme sottolinea che non hanno avuto una discussione dal 1946.

Una conversazione con una coppia come quella dei Vail sulle chiavi di una relazione duratura può essere piuttosto insoddisfacente perché hanno così poco da condividere sull’argomento. È quasi come se si fossero sposati e non avessero mai pensato alla relazione. Potrebbe essere questo il segreto della loro lunga relazione?

Non c’è dubbio che il volume dell’autoanalisi e della discussione sulle relazioni sia aumentato esponenzialmente negli ultimi 50 anni. Un’intera industria di libri, allenatori, siti web e organizzatori di incontri è cresciuta attorno all’idea di trovare un compagno e costruire una relazione soddisfacente. In che modo così tante coppie con così pochi strumenti o, francamente, la conoscenza di ciò che rende due persone buone insieme, hanno costantemente instaurato relazioni che sono durate 50 anni o più?

Ecco 2 teorie:

Si aspettavano molto meno dalla loro relazione primaria

Potrebbe essere che le aspettative fossero molto più basse per ciò che una relazione coniugale avrebbe dovuto fornire. Ti sei sposato. Hai avuto figli. Ha lavorato. È rimasta a casa. Socializzava con i suoi colleghi maschi. Si è iscritta a un club sociale per riempire le sue giornate. Le regole erano rigide e così apparentemente impermeabili al cambiamento che a nessuna delle due persone venne mai in mente di mettere in discussione la natura della loro interazione.

Forse allora le coppie avevano una serie di bisogni più chiari e semplici per il loro matrimonio. Volevano sicurezza finanziaria, intimità, una casa piacevole e il resto – il resto era bello da avere, ma da non perdere.

Sembra che oggi ci aspettiamo che i nostri compagni ricoprano un vasto numero di ruoli: compagno, amante, cassa di risonanza intellettuale, complice in un crimine, co-genitore, socio in affari, ecc. Stabiliamo uno standard così alto che nel tempo la maggior parte delle persone delude in un modo o nell’altro. Se un uomo è un eccellente fornitore, padre e compagno di giochi, ma è un terribile comunicatore ed empatico, può significare il destino di una relazione. Se la donna è un’ottima mamma, gentile e di grande sostegno nei momenti difficili, ma forse non è una compagna amante del divertimento o energica, può creare tensione e delusione.

Non è realistico accumulare così tante aspettative su una persona; e ha un impatto negativo sul mantenimento di una relazione a lungo termine?

Avevano meno opzioni e si limitavano a resistere.

Uno dei miei bisnonni paterni era un contadino del Mississippi all’inizio del XX secolo. Dopo aver partorito cinque figli sani, sua moglie morì durante il parto con il loro sesto. Di sicuro aveva il cuore spezzato, ma il bisogno di occuparsi di una fattoria e di crescere sei figli non lasciava tempo per il lutto. Ha prontamente diviso i bambini e li ha prestati a diversi parenti. Si diresse verso la città più vicina, prese una stanza nella pensione locale e iniziò a cercare una moglie.

Trovò la mia bisnonna in una chiesa battista e si lanciò in un corteggiamento che può essere meglio descritto come professionale. Ha accettato: una casa, una famiglia e il suo amore. Tornarono alla fattoria, radunarono i bambini, vissero felici e contenti e continuarono ad avere altri cinque figli.

È questa la chiave della longevità delle relazioni più vecchie? Erano semplicemente intrappolati insieme? Sappiamo che le opportunità economiche per le donne erano limitate. Per non parlare dell’estrema stigmatizzazione del divorzio. Nel caso del mio bisnonno, semplicemente non poteva gestire la fattoria senza una donna che cucinasse i pasti, si prendesse cura dei bambini e facesse dozzine di altri lavori vitali.

Queste barriere culturali ed economiche hanno forzato matrimoni solidi all’esterno e miserabili all’interno? Anni di lavoro e di convivenza hanno reso necessarie relazioni e creato vero amore? Dovremmo celebrare le nostre moderne relazioni a lungo termine meno permanenti perché danno alle persone la libertà di abbandonare i matrimoni disfunzionali?

È una domanda che può essere posta in molti ambiti della vita moderna. Nonostante tutta la nostra conoscenza, ricerca e discussione, stiamo davvero meglio? Sapere di più sulle relazioni le rende più facili da mantenere e mantenere, o più scoraggianti?

Ci piacerebbe sentire i tuoi pensieri!

Anisa
Anisa
Anisa
MS, RD e scrittore
Anisa è consapevole che la crescita richiede tempo. Fornisce alle persone gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare le loro emozioni, migliorare la loro comunicazione e riflettere sul loro valore.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere