https://hookupwebsites.org/it/tre-modi-per-riprendersi-dal-rifiuto/Tre modi per riprendersi dal rifiuto
Divulgazione di affiliazione

Tre modi per riprendersi dal rifiuto

Tre modi per riprendersi dal rifiuto

Chiunque entri nel mondo degli appuntamenti è destinato a incontrare il rifiuto. Se i tuoi messaggi online ai potenziali appuntamenti non ricevono risposta, hai un ottimo primo appuntamento ma non hai mai più notizie dalla persona, o vieni scaricato dopo che le cose stavano appena iniziando a scaldarsi, tutti i rifiuti hanno una cosa in comune: fanno davvero male. Ciò che rende il rifiuto ancora più doloroso è che qualsiasi sforzo per capire cosa è andato storto può facilmente portare a attacchi di autocritica e auto-colpa.

Ti hanno rifiutato perché non sei abbastanza alto, abbastanza intelligente, abbastanza attraente, abbastanza ricco, abbastanza istruito o abbastanza alla moda? Qual era la ragione? Quindi inizi a indovinare tutto quello che hai fatto e detto. Ti rimproveri per aver rivelato la tua passione per i ricci di mare, per aver ordinato zuppa di noodle e aver fatto smorfie, o per aver scherzato su come ti sei fatto la cicatrice sul dito medio.

Tutta questa autopunizione ti fa sentire completamente infelice e ti chiedi quando sei diventato così debole, bisognoso o disperato. Devi esserlo, altrimenti non faresti così male, giusto? Sbagliato.

Ecco perché:

Recenti studi hanno messo le persone in macchine fMRI (scanner che osservano cosa succede nel nostro cervello quando stiamo pensando o facendo qualcosa) e hanno chiesto loro di pensare a un rifiuto doloroso e recente. Quello che hanno trovato è stato scioccante. Gli stessi percorsi nel cervello si attivavano quando le persone sperimentavano un rifiuto come quando provavano dolore fisico. In effetti, la sovrapposizione era così sostanziale che quando i ricercatori hanno somministrato alle persone l’antidolorifico acetaminofene (Tylenol) e le hanno sottoposte a un’esperienza di rifiuto, hanno riferito di provare un dolore emotivo significativamente inferiore rispetto a coloro che non hanno ricevuto Tylenol. Ecco perché i rifiuti fanno tanto male, non perché ci sia qualcosa di sbagliato in te, perché sei semplicemente cablato in quel modo.

Fortunatamente, ci sono tre passaggi che puoi fare per alleviare il dolore emotivo che sei destinato a provare dopo essere stato rifiutato:

Discutere con autocritica . Sebbene sia naturale sentirsi autocritici dopo un rifiuto, non ha molto senso andarci’. La maggior parte dei rifiuti ha molto più a che fare con la compatibilità e la chimica che con qualsiasi difetto o difetto specifico. Anche se ti è sembrato di cliccare con l’altra persona, la realtà è che non hai cliccato abbastanza. E se sentissero una compatibilità insufficiente, probabilmente l’avresti sentito anche tu a un certo punto. Pertanto, non ha assolutamente senso provare a incolpare te stesso o qualsiasi difetto percepito che potresti avere. A meno che la persona non ti abbia guardato negli occhi e abbia detto qualcosa di specifico come “Scusa, non mi piacciono le fossette”, attribuiscilo a una chimica insufficiente. E se ti danno il discorso “Non sei tu, sono io”, credi loro. In effetti, anche se non lo fanno, presumi che siano comunque loro. Probabilmente lo è comunque, e la tua autostima ti ringrazierà per questo.

Rianima la tua autostima . Ora che hai dato alla tua autostima una pausa dall’autocritica, devi aiutarla a rivivere. Il modo migliore per rianimare la tua autostima è ricordare a te stesso le qualità e gli attributi che possiedi e che ritieni siano preziosi. Nello specifico, fai una lista delle qualità che hai che sono importanti negli appuntamenti e nelle relazioni come essere leale, premuroso, solidale, premuroso, un buon ascoltatore, un ottimo cuoco, un buon baciatore e tante altre quante ti vengono in mente. Scegli uno di questi attributi e scrivi un breve saggio (un paragrafo o due) sul perché la qualità è importante per te, perché un futuro partner la troverebbe preziosa, come l’hai espressa in incontri passati o scenari di relazione, o come avresti farlo in futuro. Scrivi uno o due saggi al giorno finché non ti senti meglio con te stesso. Tieni presente che affinché l’esercizio abbia l’impatto desiderato sulla tua autostima, devi scriverlo. Quindi non saltare questo passaggio cruciale e fallo nella tua testa: scrivi.

Restituire un senso di appartenenza . Una delle teorie sul motivo per cui il rifiuto provoca un dolore emotivo così acuto è che nel nostro lontano passato, essere ostracizzati dalla nostra tribù era praticamente una condanna a morte. Di conseguenza, abbiamo sviluppato un meccanismo per avvertirci di quando eravamo in pericolo di essere estromessi dalla nostra tribù e, di conseguenza, siamo diventati estremamente sensibili al rifiuto. L’eredità di quei giorni tribali è che anche i rifiuti minori possono destabilizzare il nostro bisogno di appartenenza, di sentirci come se fossimo accettati e amati dal nostro gruppo centrale. Per affrontare questa fitta spesso inconscia, rivolgiti a buoni amici o familiari e prova a vederli di persona. In questo modo ti ricorderai che sei un membro stimato e rispettato della tua tribù’.

I rifiuti sono una lesione emotiva estremamente comune e fanno sempre male. Ma seguire questi tre passaggi ti aiuterà a guarire le ferite emotive che creano, a recuperare la tua fiducia e a riprenderti più velocemente e più forte di quanto avresti altrimenti.

Guy Winch è uno psicologo, relatore e autore di Emotional First Aid: Practical Strategies for Treating Failure, Rejection, Guilt and Other Everyday Psychological Injuries (Hudson Street Press, 2013). Seguilo su Twitter e dai un’occhiata al suo blog!

Anisa
Anisa
Anisa
MS, RD e scrittore
Anisa è consapevole che la crescita richiede tempo. Fornisce alle persone gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare le loro emozioni, migliorare la loro comunicazione e riflettere sul loro valore.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere