https://hookupwebsites.org/it/perche-ti-rinuncia/Perché sei un rinunciatario?
Affiliate Disclosure

Perché sei un rinunciatario?

Perché sei un rinunciatario?

Quindi hai già smesso? Hai gettato la spugna su quel proposito per il nuovo anno che cambia la vita? Hai deciso che è troppo difficile andare in palestra durante la settimana lavorativa? Sei già scivolato giù dal carro dietetico e sei atterrato nel budino alla vaniglia? Stai ancora subendo un sacco di insulti dal tuo capo pigro e sadico? E la tua vita sentimentale? Hai gettato la spugna anche lì?

Oh. Non sei nemmeno arrivato a febbraio.

Non importa quale sia la tua promessa di Capodanno a te stesso, la domanda che devi considerare è: “Cosa è successo finora nella mia vita che mi ha fatto arrendermi così facilmente?” Seriamente, quando esaminiamo il panorama delle conquiste umane – sia personali che professionali – vediamo un rifiuto di rompere, piegare o smettere. Vediamo una determinazione apparentemente folle per avere successo. Perché questo “gene del successo” non è presente nel tuo DNA?

È una domanda che vale la pena considerare. Per la maggior parte dell’esistenza umana la vita è stata dura. Per la stragrande maggioranza dei nostri antenati, solo sopravvivere era difficile. Grattare una vita dalla terra richiedeva un lavoro massacrante, e dovevi pregare che il tuo raccolto fosse sufficiente per coprire i mesi dell’inverno. La malattia correva incontrollata in tutte le comunità, prendendo sia giovani che vecchi.

L’aspettativa di vita nel 1900 era di 48 anni, il che significava due cose:

1) Un gran numero di persone sono morte durante l’infanzia.

2) Una volta insediate le fastidiose condizioni della vecchiaia, la tua oca era cotta.

Gli uomini americani nati nel 2008 hanno un’aspettativa media di 80,8 anni e la maggior parte di questi sarà sana e libera da malattie.

Oggi la vita è così facile. In questo paese, siamo così liberi dalla vera paura della fame, delle malattie e delle privazioni che penseresti che la maggior parte delle persone possa incanalare il proprio impegno ed energia nel perseguire gli obiettivi meno difficili della vita: salute, relazioni, successo.

Allora, cosa c’è con te?

Perché hai deciso che non puoi avere la cosa che desideri così tanto? Prima di gettare la spugna, considera questi tre punti.

1. Per prima cosa, guarda questo video del senior Matt Scott dell’Università del Wisconsin-Whitewater.

2. Parla in modo diretto con te stesso.

Le persone che sono disposte a fare enormi cambiamenti hanno quasi sempre successo in questa vita. Il tuo fallimento nel riuscire è probabilmente legato al tuo fallimento nel cambiare una parte della tua vita.

Di cosa stiamo parlando? Bene, se quest’anno hai deciso di andare in palestra quattro giorni a settimana, è fantastico. Certo, probabilmente hai già perso la maggior parte dei giorni, e ogni volta c’è una serie diversa di circostanze che rendono “impossibile” andare.

Ma è un dato di fatto che se fossi disposto a fare “qualsiasi cosa”, arriveresti in palestra. Se fossi disposto a lasciare il tuo lavoro, potresti passare otto ore al giorno in palestra. Se fossi disposto ad alzarti alle 4 del mattino, probabilmente potresti fare due ore di esercizio prima del lavoro. Se eri disposto a tornare a casa la sera alle 21, potresti andare dopo il lavoro. Hai reso l’idea.

Quindi, in questo momento hai deciso, forse inconsciamente, che vuoi altre cose più del tuo tempo in palestra. Forse la tua decisione è valida. Forse vuoi un lavoro, otto ore di sonno, tempo con i tuoi figli, un’ora per cena in famiglia e un po’ di tempo per la televisione, più di quanto tu voglia andare in palestra. Puoi certamente sostenere queste preferenze. Ma se vuoi davvero andare in palestra, devi rinunciare a qualcosa, e più sei disposto a rinunciare, più sei certo del successo.

Quindi inizia subito. Interrompi quello che stai facendo e poniti la domanda: “Cosa sono disposto a rinunciare per raggiungere questo obiettivo?” Se la risposta è “niente”, allora sii in pace con quella scelta e abbandona la sciocca risoluzione. Non ne hai bisogno comunque.

3. La persistenza è l’UNICA cosa che conta.

Calvin Coolidge è uno di quei presidenti che nessuno ricorda. Rimase in carica dal 1923 al 1929 e si guadagnò il soprannome di “Silent Cal”. Ma Cal sapeva un paio di cose su cosa ci vuole per avere successo.

“Niente al mondo può prendere il posto della perseveranza”, ha detto. “Il talento no; niente è più comune degli uomini di talento senza successo. Il genio no; il genio senza ricompensa è quasi un proverbio. L’istruzione no; il mondo è pieno di derelitti colti. La perseveranza e la determinazione da sole sono onnipotenti. Lo slogan Press On’ ha risolto e risolverà sempre i problemi della razza umana”.

Stampa questo preventivo e attaccalo al frigorifero. Lascia che i tuoi figli lo leggano ogni volta che prendono una bibita. Fai di queste parole il tuo credo e la tua luce guida.

Se hai un obiettivo per quest’anno, la perseveranza è l’unica cosa che conta. Se hai perseveranza, nient’altro importa. Se non hai perseveranza, nient’altro importa.

Quindi, eccoti qui. Sei al crocevia del resto della tua vita. Qualunque cosa tu voglia fare può essere tua. Dopotutto, i tuoi antenati hanno attraversato gli oceani, hanno superato un universo ostile e hanno lottato semplicemente per sopravvivere. Cosa stai facendo? Puoi avere qualunque cosa tu voglia. Dipende davvero da quanto lo vuoi.

Sue
Sue
Sue
MS, RD e scrittore
Sue è un'eccellente coach, particolarmente concentrata alla risoluzione di problematiche legate all’informazione.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere