https://hookupwebsites.org/it/debbie-macomber-cosa-ho-imparato-dellamore/Debbie Macomber: cosa ho imparato sull'amore
Affiliate Disclosure

Debbie Macomber: cosa ho imparato sull’amore

Debbie Macomber: cosa ho imparato sull’amore

Debbie Macomber, autrice di best seller n. 1 del New York Times, ne ha creato un altro in una lunga serie di meravigliose storie d’amore, il tema natalizio Angeli a tavola . Il nuovo romanzo, ora in libreria, segna il ritorno degli angeli Shirley, Mercy e Goodness, con l’aggiunta dell’angelo in formazione Will, che riunisce due persone sole a Capodanno.

“Scrivo libri che ti fanno sentire pieno di speranza e felice”, ci dice Macomber in un’intervista esclusiva. “Ho una visione in mente da quando stavo lottando per vendere il mio primo libro. La visione era quella di un lettore e, per qualsiasi motivo, stavano spingendo un carrello come se fossero in un negozio di alimentari e passassero oltre il libri e si fermerebbero. Vedrebbero un libro con il mio nome sopra, lo prenderebbero e lo metterebbero proprio accanto al loro cuore. Questa è la visione che ho anche adesso. “

Con oltre 160 milioni di copie dei suoi libri in stampa in tutto il mondo, Macomber ha raggiunto il suo obiettivo di scrivere la sua strada nel cuore delle persone. Le sue serie Cedar Cove e Blossom Street hanno sicuramente colpito i lettori, tanto che Macomber ha iniziato una nuova serie che riporta i suoi lettori nella città del Pacifico nord-occidentale di Cedar Cove con l’uscita di La locanda a Rose Harbour all’inizio di quest’anno.

Nel 2013, i fan di Macomber potranno vedere le sue storie prendere vita quando Hallmark Channel trasformerà il franchise di Cedar Cove in una serie TV, con Andie MacDowell. “Cedar Cove” inizierà con un film di due ore il 19 gennaio, seguito dalla serie in primavera.

eHarmony ha anche parlato con Macomber, sposata da 44 anni con il marito Wayne, di ciò che ha imparato sull’amore.

eH: Cosa ami di più della tua vita adesso?

Debbie: Penso che questo sia davvero il momento migliore della mia vita e di Wayne. Abbiamo fatto il nostro lavoro, abbiamo cresciuto i nostri figli e sono tutti adulti produttivi, contribuenti, non in carcere e con un lavoro retribuito. Abbiamo la libertà che non abbiamo avuto da quando ci siamo sposati e anche un po’ più di sicurezza finanziaria.

Anche se sono ancora molto attivo nella mia carriera, c’è quella libertà di fare cose che non ci piacciono mai, quest’anno abbiamo fatto una crociera sul fiume. Wayne non era mai stato in Europa prima, quindi è stata una vera avventura.

eH: Cosa ti ha insegnato la scrittura sull’amore?

Debbie: È grazie a mio marito che ho una carriera di scrittrice, quindi è anche radicata nell’amore. Wayne mi ha incoraggiato quando non sono stato pubblicato. Disse: “Oh, sei così talentuoso, puoi farcela. So che puoi farcela”. C’è stato un periodo in cui lavorava nell’edilizia in cui era senza lavoro e noi eravamo così indietro con i nostri conti. Mi ha chiesto se potevo andare a lavorare e accettare un lavoro che mi avrebbe effettivamente pagato. Sapevo che avrei dovuto rinunciare al sogno di essere uno scrittore, che non potevo fare tutto. Non riuscivo a stare al passo con i bambini, la casa e il lavoro 40 ore. I ragazzi facevano gli scout, gli sport e tutte queste altre cose. Sono andato a letto e non riuscivo a dormire. Wayne si svegliò e disse: “Sei sveglio?” Dissi: “Sai cosa tesoro? Non ho ancora dormito”. E lui disse: “Cosa c’è che non va?” E ho detto: “Penso davvero che avrei potuto farcela come scrittore”. Non ha detto niente per molto tempo e poi si è seduto e ha detto: “Va bene tesoro, fallo”. Vorrei poter dire di essere così talentuoso, ho venduto entro il mese successivo, ma sono passati altri due anni e mezzo. Quindi questo è ciò che la scrittura mi ha insegnato sull’amore.

eH: Pensi che sia più importante essere amati o amare?

Debbie: Sai cosa? Se ami, ricevi amore indietro e questa è solo una semplice verità di base. Se sei amato, è perché ami. È come uno specchio. Restituiamo ciò che diamo. Raccogliamo ciò che seminiamo.

eH: Qual è la cosa più difficile dell’amore?

Debbie: Penso solo che sia la sabbia nelle tue scarpe. Hai mai sentito la storia dell’uomo che ha attraversato tutta l’America? Gli hanno chiesto quale fosse la cosa più difficile che ha dovuto sopportare. Erano le ripide colline? I passi di montagna? Ha detto, no, era la sabbia nelle sue scarpe. Ed è così con un matrimonio e con l’amore. Sono le cose di tutti i giorni, come Wayne che non raccoglie i calzini sporchi. È il giorno in cui devo partire presto e lui non fa il letto. È la sabbia nelle scarpe, questa è la parte più difficile.

eH: Molti uomini hanno questo atteggiamento: perché farlo? Ci dormirai di nuovo.

Debbie: Esattamente. Ed è quello che dice. Non riesce davvero a capire perché è importante per me che il letto sia fatto.

eH: Quando è stata la prima volta che hai davvero trovato l’amore?

Debbie: Pensavo di essere innamorato al liceo. Ero ancora un adolescente quando ci siamo sposati. Non credo di aver capito veramente il significato dell’amore fino a quando non sono diventata madre. Ero totalmente innamorata di mio marito quando ci siamo sposati, ma è stato solo quando abbiamo avuto figli che ti sei reso conto: “Ora QUESTO è amore”.

eH: Cosa significa l’amore per te adesso rispetto a quando eri più giovane?

Debbie: Penso che molti di noi considerino l’amore come ricevere fiori a San Valentino o come regali che riceviamo a Natale. Ma davvero, l’amore è Wayne che mi aspetta sveglio finché non arrivo a casa e l’aereo è in ritardo e sono le 2 del mattino. È più di quello che fa che di quello che dà. Penso che siano più atti che regali. O ridere con me, o guardare un film che voglio vedere che so che non gli piacerà.

Mi piace molto ricevere regali di Natale, ma lascia che ti racconti una storia. Wayne non è un ragazzo romantico. Semplicemente non lo è. Ci prova, ma semplicemente non lo è. Un anno per San Valentino, stava costruendo un aereo nel nostro seminterrato. Divenne davvero preoccupato – perché spesso devo andare al vasino – che avrebbe dovuto far atterrare l’aereo in modo che potessi andare al vasino. Così mi ha fatto il regalo più romantico che potesse immaginare: un orinatoio portatile. E ne era così orgoglioso perché era un regalo premuroso. E lo sta dicendo al suo amico e io sto ascoltando il suo amico e il suo amico gli ha detto: “Wayne, non puoi amare una donna più di così”. Penso che se chiedessi a Wayne di definire cos’è l’amore, lui direbbe: “Era il momento in cui le ho preso quell’orinatoio”.

eH: Quindi come fai a sapere se qualcuno è “The One?”

Debbie: Penso davvero che tu sia attratto da una certa persona e quell’attrazione può trattenerti a lungo, ma l’amore è davvero l’impegno. È come dire: “Sei tu, ho deciso che collegherò la mia vita con la tua”. È quell’impegno. Wayne ed io abbiamo avuto degli anni davvero difficili quando i ragazzi erano adolescenti e ci siamo davvero separati per un po’. Quando siamo tornati insieme, abbiamo dovuto decidere che sarebbe durata e che l’avremmo fatta durare. Dovevamo impegnarci al 100% l’uno con l’altro. Quindi, penso che sia una decisione che prendiamo. Se ti affidi agli ormoni o alla lussuria o all’infatuazione, non durerà a lungo. Devi solo prendere quell’impegno.

eH: Secondo te, di cosa si ha bisogno in un partner per far sì che la relazione abbia successo?

Debbie: Penso che devi avere un buon senso dell’umorismo. Penso che entrambi dovete avere lo stesso sistema di credenze di base. Penso che la fede sia un fattore forte. Un sistema di credenze, impegno, essere in grado di ridere insieme, essere in grado di piangere anche insieme e lo stesso sistema di onore. Questo è quello che direi dalla parte superiore della mia testa.

eH: Che consiglio daresti a coloro che lottano con l’amor proprio ea coloro che cercano l’amore?

Debbie: Per coloro che stanno lottando con l’amor proprio, suggerirei di smettere di guardare te stesso e di guardare quanto sei apprezzato da Dio. Dio ti ama e se ti rendi conto di quanto vali ai Suoi occhi, allora smetti di pensare ai tuoi sentimenti di inferiorità.

eH: E quelli che cercano ancora l’amore?

Debbie: Quando stavo lottando, mio marito può essere così saggio a volte. Stavo lottando per entrare nella lista del New York Times. Quello era un obiettivo così importante nella mia vita, e mio marito ha detto: “Quello che devi fare è scrivere un libro che sia degno della lista del Times”. Così ho iniziato a guardare quali libri stavano facendo la lista del Times. Ho iniziato a studiarli e a vedere cosa attirava i lettori verso quei libri. Se stiamo cercando qualcuno da amare, dobbiamo prima amare gli altri. È solo un atteggiamento. Dobbiamo essere la persona di cui qualcuno si innamorerebbe.

eH: Abbiamo parlato un po’ di come quando sei diventata madre hai capito davvero l’amore. Pensi che diventare madre abbia approfondito la tua capacità di amare?

Debbie: Anche se questo essere ha fatto parte del tuo corpo per nove mesi, una volta nato, devi guardare fuori di te. Sai, tendiamo ad essere così assorbiti da noi stessi e poi ecco questo piccolo essere che è parte di noi, che ha assolutamente bisogno di noi. All’improvviso il tuo focus non è su di te, ma su di loro. Questo è l’amore: donare te stesso.

eH: In che modo pensi che essere un personaggio pubblico abbia influenzato la tua capacità di amare?

Debbie: Di nuovo, otterrai una risposta piuttosto lunga su questo. Diversi anni fa, ho fatto una lista di persone che volevo incontrare. Queste erano persone davvero di alto profilo. La prima persona sulla mia lista è stata Pat Conroy, uno scrittore fenomenale, Billy Joel, Barry Manilow, molti scrittori, molti artisti, un paio di presidenti. Ho fatto una lista di persone che volevo incontrare.

Quando li ho incontrati, ho fatto una lista di 30, ne ho incontrati 20 di quella lista adesso. Ci sono alcune storie piuttosto sorprendenti su come ho incontrato queste persone. Ho scoperto che, a meno che la persona non fosse incentrata su Dio, diventasse così egocentrica, così presuntuosa, e invece di riportare la gloria a Dio, si è in qualche modo stabilizzata all’interno del loro spirito e li ha viziati come persona. [Nota: Macomber dice che nessuna delle persone che ha citato per nome l’ha delusa. Quelle persone che ha lasciato senza nome.]

E poi un giorno mi stavo lamentando con Dio, avevo incontrato qualcuno di cui ero così deluso, semplicemente non era la persona che avevo costruito nella mia mente, e mi stavo lamentando con Dio. Subito Dio mi ha detto: “Sai, Debbie, sei mia figlia. Ti amo. Se volevi incontrare queste persone, sono felice di mandarle nella tua vita. Ma perché non ne fai un’altra? elenco e lascialo vuoto per le persone che voglio farti incontrare?” E questo ha cambiato così tanto la mia prospettiva sull’incontro con le persone. Ora guardo le persone e la prima cosa che penso è: “È qualcuno che Dio mi ha mandato da incontrare?” Sono molto più aperto. Mi prendo il tempo, ascolto molto meglio di quanto abbia mai fatto prima. Non mi vedo davvero come una figura pubblica. In effetti, ero in un ristorante a questa conferenza e avevo il mio badge con il nome e questa cameriera si avvicinò e disse: “Oh mio Dio, hai lo stesso nome del mio scrittore preferito!”

Quindi non mi considero davvero una figura pubblica, ma vado in giro e faccio autografi e cose e la gente verrà a trovarmi. È così importante per me essere la persona che amano perché amano i miei libri e soddisfare le loro aspettative, essere il tipo di persona che vorrei incontrare ed essere gentile, aperta, incoraggiante e ascoltatrice , questo è il modo in cui voglio sempre vivere la mia vita.

di Macomber Angeli a tavola è ora nelle librerie di tutto il mondo.

Sue
Sue
Sue
MS, RD e scrittore
Sue è un'eccellente coach, particolarmente concentrata alla risoluzione di problematiche legate all’informazione.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere