https://hookupwebsites.org/it/relazioni-abusivi/Relazioni abusive
Divulgazione di affiliazione

Relazioni abusive

Relazioni abusive

Relazioni abusive:

L’inizio della fine è iniziato con un dito puntato conficcato nella spalla di Rita. È stato abbastanza forte da farle perdere l’equilibrio e lasciare un leggero livido ma non un grosso problema, giusto? Sbagliato!

Rita esce con Mitch da un anno e mezzo. La coppia di Dallas aveva iniziato la loro relazione con una forte attrazione, sentimenti intensi e grandi aspettative. Mitch era un ragazzo che i suoi amici avrebbero descritto come “forte”. Era noto per entrare in partite urlanti quando si discuteva dell’ultima sconfitta dei Cowboys, e a volte si lasciava sfuggire la calma durante le partite di racquetball ferocemente contestate. Senza dubbio, era ardente, appassionato ed emotivo. Che era una cosa che a Rita piaceva di lui inizialmente – non aveva paura di esprimere i suoi sentimenti verso di lei e di darle una grande dimostrazione di quanto l’amava. Ma con il passare dei mesi, divenne sempre più evidente che Mitch aveva difficoltà a controllare le emozioni che provava così fortemente.

Mentre la loro relazione si stabilizzava in una routine prevedibile – e i sentimenti estatici del nuovo amore svanivano – Mitch aveva iniziato a urlare contro Rita per piccoli errori. Le discussioni sono diventate dibattiti accesi. Presto iniziò a lanciare regolarmente bombe a mano verbali: insulti, commenti sarcastici, nomi sminuenti. E poi è arrivata quella punta del dito sulla spalla di Rita, e lei sapeva che la loro relazione aveva varcato una soglia sfortunata. Non passò molto tempo prima che lei dasse gentilmente la notizia a Mitch: la loro relazione era finita. Una brutta rottura, certo, con accuse e minacce da parte di Mitch, ma Rita si è attenuta alla sua decisione pur essendo cauta nel proteggersi nel processo.

In che modo Rita ha trovato il coraggio di porre fine alla relazione quando ha iniziato a diventare aspra e violenta? Spiega: “Avevo amici che sono rimasti invischiati in relazioni di appuntamenti tossici in cui hanno finito per subire abusi fisici – schiaffi e pugni dai loro fidanzati”, ha detto. “Sapevo che una volta che una relazione ha iniziato a dirigersi in quella direzione distruttiva, ci sono poche possibilità che si risolva. Una volta che le bandiere rosse iniziano a comparire, è meglio uscire e andare avanti il più rapidamente possibile”.

Questo problema è più diffuso di quanto tutti vorremmo ammettere. Secondo la National Coalition Against Domestic Violence, dal 25 al 50 percento di tutte le donne nelle relazioni eterosessuali subiscono in qualche modo abusi. Quando sentiamo le parole “relazioni abusive”, la nostra mente va immediatamente alle forme più ovvie e apparenti: aggressione fisica o sessuale. Ma c’è un continuum di comportamenti abusivi che va dal sottile all’ovvio. L’abuso emotivo può essere dannoso quanto quello fisico, anche se spesso è più difficile da riconoscere. Questo tipo di “guerra segreta” provoca problemi di autostima e danni psicologici. E questa situazione non è certamente unica per le donne: anche gli uomini sono vittime di relazioni abusive.

Inoltre, quello che ha detto Rita era corretto: Relazioni abusive sono quasi sempre progressivi – peggiorano solo nel tempo. L’abuso emotivo e verbale si trasforma frequentemente in minacce più evidenti o abusi fisici, in particolare nei periodi di stress.

Sebbene sia impossibile entrare nei dettagli in questo breve spazio, diamo un’occhiata a diversi comportamenti che si qualificano come una relazione abusiva:

Intimidazione. Il tuo partner ti spaventa usando espressioni, postura, gesti e tono di voce minacciosi? Fa minacce, o addirittura le esegue, per farti del male? Ti fa il prepotente per ottenere ciò che vuole?

Sminuire. Il tuo partner ti sminuisce o cerca di farti sentire inferiore? Ti mette in imbarazzo o ti prende in giro davanti agli altri?

Molestie. Il tuo partner ti chiama o ti scrive eccessivamente? Ti segue o si presenta per assicurarsi che tu sia dove hai detto che saresti stato?

Solitudine. Il tuo partner cerca di controllare cosa fai, dove vai e con chi parli? Cerca di tenerti lontano da certi amici o familiari?

Abuso emotivo. Il tuo partner ti manipola o gioca a “giochi mentali”? Riduce al minimo i tuoi sentimenti, respinge le tue lamentele o ti incolpa per tutti i problemi? Esibisce un comportamento “Jekyll-and-Hyde”: carino un momento, cattivo quello successivo?

Avance sessuali indesiderate. Il tuo partner ti tocca mai in modo inappropriato? Ti fa pressioni sessualmente per cose per cui non sei pronto?

Violazioni dei confini fisici di qualsiasi tipo. Il tuo partner ti tratta in modo rude: afferra, scuote, spinge, spinge o colpisce? Ti impedisce di partire?

La linea di fondo è questa: meriti una relazione sana, rispettosa e amorevole. Rifiutati di accontentarti di qualcosa di meno! Se vedi segnali di avvertimento che la tua relazione sta diventando abusiva, allora fatti un enorme favore: passa a qualcuno che ti tratterà con la massima cura e gentilezza.

Per informazioni più dettagliate sulle relazioni abusive, vedere: The National Coalition Against Domestic Violence. Vedi anche: Women’s Center at University of Virginia, Sexual and Domestic Violence Services.

Anisa
Anisa
Anisa
MS, RD e scrittore
Anisa è consapevole che la crescita richiede tempo. Fornisce alle persone gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare le loro emozioni, migliorare la loro comunicazione e riflettere sul loro valore.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere