https://hookupwebsites.org/it/sesso-e-la-vostra-spinta-a-rimanere-in-vita/Il sesso e il tuo desiderio di rimanere in vita
Affiliate Disclosure

Il sesso e il tuo desiderio di rimanere in vita

Il sesso e il tuo desiderio di rimanere in vita

Le persone reagiscono al pericolo facendo più sesso? Abbiamo tutti sentito dire che sembra esserci un aumento dei tassi di natalità circa nove mesi dopo un disastro. La stampa abbonda di notizie su un aumento delle nascite nove mesi dopo il blackout di New York del 1965, dopo l’attentato di Oklahoma City del 1995 e anche dopo l’11 settembre. Più di recente, ci sono state numerose segnalazioni, le più estese nel Sentinella di Orlando (7 giugno 2005), di un “urto del parto” associato agli uragani che hanno colpito la Florida nel 2004.

Da un punto di vista strettamente scientifico, c’è sempre stato qualche dubbio se questi dati siano effettivamente accurati. Tuttavia, un recente studio condotto da Richard Evans dell’Università del Texas ad Austin fornisce prove empiriche convincenti studiando sistematicamente i tassi di natalità dopo gli avvisi di tempesta. Questo gruppo di ricerca ha ottenuto dati di avviso sulle tempeste dal National Hurricane Center del National Weather Service degli Stati Uniti dal 1995 al 2001. Questi dati hanno permesso loro di identificare l’intensità dell’avviso di tempesta che è stato inviato. I dati sulla nascita sono stati raccolti anche dal National Vital Statistics System del National Center for Health Statistics. Questi dati sono stati direttamente collegati ai tassi di natalità a livello di contea nove mesi dopo.

Il gruppo di ricerca ha trovato un effetto positivo sui successivi tassi di natalità in tutta la contea sia per un “orologio” di tempesta tropicale che per un “orologio” di uragano. Tuttavia, l’effetto sui tassi di natalità è stato negativo se l’avviso non è stato solo un “orologio” ma un avvertimento più serio, per una tempesta tropicale o un uragano. In un avvertimento, c’è un’alta probabilità che queste persone siano state colpite direttamente da una forte tempesta.

L’ovvia conclusione è che le persone che sperimentano il minaccia di un disastro darsi da fare per iniziare un pancione. Ma quando le persone sperimentano effettivamente il disastro e le loro vite vengono sconvolte, hanno meno figli. E se l’urto sta diminuendo, sembra molto probabile che le persone abbiano effettivamente fatto meno sesso quando hanno sperimentato direttamente la catastrofe.

Gli autori di questo articolo propongono spiegazioni per i loro risultati. In primo luogo, quando le persone sperimentano un temporale, trascorrono più tempo a casa e quindi hanno maggiori probabilità di fare sesso. Inoltre, quando queste persone hanno più tempo da trascorrere a casa, potrebbero non avere a disposizione una normale contraccezione ed è meno probabile che escano e acquistino contraccettivi se c’è un avviso meteorologico. Infine, i ricercatori concludono che le coppie che subiscono un avvertimento più serio hanno meno probabilità di fare sesso perché temono che il loro tempo venga impiegato per ricostruire dopo il disastro.

Gli autori di questo articolo non considerano spiegazioni più basate sulla psicologia per il comportamento sessuale durante un disastro. Da tempo si ipotizza che le persone cerchino l’intimità emotiva e fisica del sesso quando si sentono vulnerabili o addirittura minacciate. C’è un certo supporto scientifico per la teoria secondo cui le persone possono cercare legami emotivi quando affrontano il pericolo. Ad esempio, è stato riportato che il tasso di matrimoni è aumentato drammaticamente dopo l’11 settembre.

Altri ricercatori ipotizzano che il fattore motivante alla base di questa pulsione a fare sesso quando si affronta il pericolo si riferisce semplicemente all’impulso ad avere figli. Il termine tecnico utilizzato per descrivere situazioni in cui le persone sperimentano un livello significativo di pericolo è “rilevanza della mortalità” o, più semplicemente, una maggiore consapevolezza del fatto che non vivremo per sempre.

In un recente articolo, Arnaud Wisman e Jamie Goldenberg riferiscono che l’importanza della mortalità è associata a un aumento del desiderio di prole tra gli uomini, ma non necessariamente tra le donne. Il fatto che gli uomini riportino costantemente un aumento del desiderio per i bambini quando contemplano la propria mortalità è spiegato dagli autori sostenendo che gli uomini vedono la prole come un mezzo relativamente a basso costo per garantire un certo senso di sopravvivenza e anche per acquisire un maggiore senso di significato in vita. Mentre le donne apprezzano probabilmente il senso della sopravvivenza a lungo termine e il senso che i bambini danno alla vita, avere figli è una proposta molto più costosa per le donne che per gli uomini (ad esempio, problemi fisici, cure a lungo termine, ecc.).

A sostegno di ciò, gli autori hanno scoperto che le donne che vedono crescere una famiglia come coerente con il successo professionale mostrano una forte relazione tra l’aumento della rilevanza della mortalità e il desiderio di avere figli. Cioè, le donne che pensano che avere una famiglia non danneggi le loro carriere mostrano la stessa relazione che mostrano gli uomini tra l’essere confrontati con una minaccia e il desiderio di figli. Tuttavia, le donne che pensano che avere figli avrà un impatto negativo sulla loro carriera non hanno mostrato la stessa relazione tra l’importanza della mortalità e il desiderio di prole. Probabilmente, le donne che apprezzano molto la loro carriera e che credono che avere una famiglia danneggerà le loro carriere hanno un fattore intermedio che riduce il loro desiderio di avere figli di fronte alla propria mortalità.

Allora, dove ci lascia tutto questo? Sembra abbastanza chiaro che ci sia una forte associazione tra l’essere confrontati con un senso di pericolo – a condizione che non ci sia un pericolo fisico immediato – e un aumento del desiderio di sesso. Ciò è evidente negli aumenti sia dei tassi di matrimonio che dei tassi di natalità dopo periodi in cui è probabile che vi sia una diffusa salienza di mortalità (ad es., 9-11, uragani). Le ragioni di questo legame tra pericolo e aumento del desiderio di sesso non sono così chiare. Alcune persone sostengono che si riferisca alle circostanze associate alle situazioni pericolose. Durante tali periodi, le normali routine vengono spesso interrotte e le coppie finiscono per stare insieme senza un adeguato controllo delle nascite. Altre persone vedono il legame tra pericolo e sesso come riflesso del bisogno innato delle persone di sicurezza emotiva durante i periodi di pericolo. Altri ancora vedono una chiara spinta ad avere più figli come il fattore motivante che collega le pratiche sessuali e le situazioni pericolose.

Cosa fare tu pensi che spieghi meglio perché le persone possono fare più sesso quando si trovano di fronte al pericolo?

1. Non compro niente di tutto questo. Le persone non hanno alcun cambiamento nel desiderio sessuale associato al pericolo.
2. Ci sono ragioni logiche per cui può sembrare che le persone facciano più sesso in situazioni pericolose, come le coppie che trascorrono più tempo insieme quando c’è un disastro.
3. Le persone hanno bisogno di più intimità quando le cose sono minacciose, ed è per questo che fanno più sesso quando c’è un maggiore senso di pericolo.
4. Le persone che sperimentano il pericolo sono più spinte a riprodursi.
5. Alcune combinazioni di 2, 3 e 4.

Sue
Sue
Sue
MS, RD e scrittore
Sue è un'eccellente coach, particolarmente concentrata alla risoluzione di problematiche legate all’informazione.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere