https://hookupwebsites.org/it/aiutare-un-partner-attraverso-il-lutto/Aiutare un partner attraverso il dolore
Divulgazione di affiliazione

Aiutare un partner attraverso il dolore

Aiutare un partner attraverso il dolore

La perdita di un amico, di un familiare o di una persona cara può essere travolgente per chiunque, ma facendo parte di un forte sistema di supporto puoi svolgere un ruolo importante nel suo processo di guarigione. Essere un grande ascoltatore è un dato di fatto, ma riconoscendo e comprendendo le fasi tipiche della guarigione e il modo in cui si sono sviluppate, sarai in una posizione molto migliore per aiutare il tuo partner a superare il suo dolore.

Le 5 fasi del lutto: sono appropriate? Molti medici, clinici e operatori sanitari utilizzano ancora le fasi seguenti come pietre miliari per il lutto. Tuttavia, per coloro che lottano con la perdita di una persona cara, l’idea che il recupero dal lutto segua una sequenza temporale standard di fasi prestabilite può sembrare ridicola, se non esasperante. Certamente coloro che hanno dovuto guarire da una perdita dolorosa sanno bene che il processo non si adatta a piccole scatole ordinate. Queste cinque fasi sono state originariamente delineate da Elisabeth Kubler-Ross nel suo libro del 1969 On Death and Dying, e si riferivano ai passaggi che un malato terminale può attraversare dopo aver appreso della finalità della propria situazione.

Queste cinque fasi sintetizzavano ciò che i caregiver avevano visto nei pazienti morenti studiando i loro meccanismi di coping. Le fasi a quel punto non erano ancora conosciute come le 5 fasi del dolore, ma piuttosto “Le 5 fasi della ricezione di notizie catastrofiche”. Da allora, queste fasi si sono trasformate in ciò che è comunemente noto come

Le 5 fasi del lutto:

D enial-Questo non sta accadendo; questo non è reale.

UN nger-Perché mi è capitato questo? Cosa ho fatto per meritarmi questa sofferenza?

B argaining-Se riesco a uscirne, prometto che sarà una persona migliore.

D espressione-non so cosa farò. Non mi interessa più cosa mi succede.

UN accettazione-Va bene. Questo è reale, e sono pronto per qualunque cosa dovrò passare.

Quanto tempo è troppo lungo per essere in lutto? In superficie, queste 5 fasi del dolore sembrano sensate. E quando il mondo sembra andare fuori controllo a causa del dolore, queste fasi possono fornire un certo conforto nella loro struttura. Ma l’idea che tutti potessero attraversare le stesse fasi contemporaneamente – e nello stesso ordine – ha portato alla prima idea che coloro che non seguono l’andamento standard del lutto possano avere una forma patologica di lutto che necessitava di un aiuto professionale (in altri parole, consulenza psicologica). Peggio ancora, se il lutto non avesse superato completamente le fasi entro un certo tempo, alcuni potrebbero essere trattati come se il loro dolore fosse fuori posto o inadeguato alla loro situazione. Sforzi più recenti sono stati compiuti dai ricercatori sul lutto per osservare come le persone si addolorano nel tempo. Sintetizzando diverse teorie del dolore, Jacobs (1993) ha presentato un insieme ipotizzato di risposte al dolore che ha ampliato le fasi:

  1. Intorpidimento-incredulità
  2. Desiderio-rabbia-ansia
  3. lutto-depressione
  4. Recupero

Studi recenti (Bonanno, Wortman, et al 2002; 2004) hanno inoltre evidenziato diversi percorsi distinti di guarigione e hanno riscontrato che le normali reazioni di lutto persistevano anche diciotto mesi dopo il verificarsi della perdita.

Testando la teoria secondo cui il dolore si è verificato in più fasi, uno studio del 2007 (Maciejewski, Zhan, Block, Prigerson) ha scoperto che i partecipanti i cui partner sono morti per cause naturali hanno sentito simultaneamente tutte le fasi del dolore a vari gradi in ogni momento misurato, con il i sentimenti di accettazione sono maggiori anche all’inizio, quando una persona era più vicina alla perdita, e questa accettazione è aumentata nel tempo. E mentre molti potrebbero ritenere che la depressione/tristezza sarebbe la prossima sulla lista, il desiderio è stata la successiva risposta più frequente riportata durante lo studio.

È importante notare che questo studio ha sollevato polemiche quando è stato pubblicato per la prima volta perché tutti gli indicatori di lutto erano in declino di sei mesi dopo la perdita e gli autori hanno suggerito che dopo quel periodo potrebbero essere necessarie ulteriori valutazioni e un potenziale rinvio per il trattamento. Ma il lasso di tempo per il corso del normale dolore e adattamento potrebbe durare molto più a lungo, con i sopravvissuti che incorporano ricordi positivi nelle loro vite anni dopo la loro perdita. Carnelley, Wortman, Bolger e Burke (2006) hanno scoperto che gli intervistati vedovi hanno continuato a sperimentare ricordi e persino a partecipare a conversazioni sul loro caro defunto oltre i primi quattro anni dopo la perdita.

Contrariamente alla credenza popolare, questa era una risposta normale alla perdita di una persona cara, non un attaccamento o una dipendenza inappropriati. Questo è stato anche un segno di buon adattamento quando i partecipanti sono stati in grado di concentrarsi sugli aspetti positivi dei ricordi della persona amata. Hanno anche scoperto che le “reazioni di anniversario” (vale a dire, ricordi dolorosi della perdita durante un periodo di tempo/promemoria specificato) sono state talvolta sperimentate per decenni, con l’intensità di queste reazioni che è diminuita rapidamente nei primi anni.

Sebbene questi possano essere considerati una battuta d’arresto nel recupero, è importante sottolineare la comunanza di tali reazioni (per quanto raramente possano essere) come una normale risposta nel processo del lutto, non come una patologica. In effetti, gli intervistati di uno studio di Harvey e Hansen (2000) hanno riferito di essere spesso impegnati nel “fare account e confidare”: parlare delle loro precedenti relazioni con i loro nuovi partner e/o chiudere gli altri come un modo per affrontare la perdita ( sebbene questo fosse usato più dalle donne che dagli uomini). Molti hanno sottolineato l’impatto positivo che questo ha avuto sul loro benessere. Quindi, se il tuo partner continua a discutere di ricordi e a raccontare storie del defunto anche dopo la perdita, non disperare: può essere una parte normale del processo di guarigione.

Come aiutare chi è in lutto La premessa del lavoro sul lutto è che chi soffre deve affrontare ed esprimere le proprie emozioni per guarire completamente dalla propria perdita. La maggior parte di coloro che hanno familiarità con il lavoro sul lutto direbbero che le persone dovrebbero riflettere, elaborare ed esprimere tutto ciò che sta emergendo riguardo alla perdita della persona amata. Ma i ricercatori hanno scoperto che rivelare il dolore non è sempre vantaggioso. Stroebe e colleghi (1996; 1997, da Pennebaker 2001) hanno scoperto che coloro a cui è stato chiesto di rivelare il loro dolore attraverso la scrittura non differivano nella salute fisica o mentale dopo un anno di follow-up. In un altro studio, i membri della famiglia sono stati valutati da coloro che soffrono come meno utili degli amici (Marwit e Carusa 1998).

Ovviamente questo è un periodo intenso e molti fattori devono essere considerati quando si aiutano coloro che sono colpiti dal dolore e dalla perdita. Essere sensibili al tipo di perdita, all’impatto generale e, se sei coinvolto, ai tuoi sentimenti di dolore, può migliorare il tuo sostegno a coloro che stanno soffrendo. Ad esempio, la morte dovuta a un evento inaspettato rispetto a una malattia dolorosa a lungo termine potrebbe suscitare reazioni diverse nei sopravvissuti. Nel caso di un partner che muore dopo una lunga lotta con una malattia terminale, il sopravvissuto potrebbe aver già lavorato durante il lutto durante il periodo della malattia del partner. Ma quando un partner è morto improvvisamente e inaspettatamente, parlare della perdita e dell’elaborazione dei sentimenti può essere utile per venire a patti con l’evento.

Quando un partner intimo muore, è possibile scatenare una crisi dell’intero sistema di supporto e amici e familiari potrebbero avere difficoltà a fornire supporto a un partner perché sono in lutto. Altri ricercatori hanno scoperto che gli estranei potrebbero non essere consapevoli dell’intera entità della perdita, con cambiamenti nella sicurezza finanziaria, nel supporto emotivo, nell’aiuto pratico e così via per il sopravvissuto. La morte può suscitare sentimenti potenti che potrebbero sopraffare i sopravvissuti circostanti con sentimenti tumultuosi e vulnerabili, e spesso non sapendo cosa fare, coloro che cercano sinceramente di aiutare potrebbero creare più danni che benefici. Wortman, Wolff e Bonanno (2004) forniscono prove raccolte di tre tipi di comportamento che può essere dannoso al lutto:

  1. Scoraggiare l’espressione aperta o la discussione dei sentimenti sulla perdita
  2. Incoraggiare il recupero
  3. Ricorrere a tentativi di supporto cliché o script che banalizzano i problemi del lutto

Che cosa è vantaggioso è consentire ai sopravvissuti l’opportunità di parlare dei propri sentimenti alle proprie condizioni. È anche utile esprimere preoccupazione senza spingere consigli, così come riaffermare la presenza di sostegno (senza necessariamente forzarlo). Se non sei sicuro di come affrontare la situazione, potrebbe essere meglio prendere spunto dal tuo partner su quanto sia aperto e disposto a parlare della perdita. Infine, si ritiene che anche parlare con altri in una situazione simile (ad es. un gruppo di supporto al lutto) sia utile.

Lavoro sul lutto: andare oltre le 5 fasi Il gruppo di consulenza per la perdita e i cambiamenti di vita (TLC) suggerisce che il lavoro sul lutto inizia effettivamente dove finisce l’ultima “fase” di accettazione. Una definizione comune che usano è riassunta dall’acronimo TEAR:

T = Accettare la realtà della perdita

E = Prova il dolore della perdita

UN = Adattarsi al nuovo ambiente senza perdite

R = Reinvestire nella nuova realtà Se conosci qualcuno che sta soffrendo in questo momento, assicurati che capisca che può venire da te alle sue condizioni. Se stai lottando con il modo migliore per sostenerli, a volte chiedi “Cosa posso fare che ti sarebbe utile?” o “Di cosa hai bisogno da me?” può avviare una discussione utile. Se sei in lutto e desideri cercare un aiuto professionale da solo, scegli un consulente che sia addestrato specificamente nel lavoro di intervento sul lutto e, se qualcosa non funziona per te, assicurati di farglielo sapere. Il lutto complicato esiste e se ritieni di provare pensieri ed emozioni al di là di ciò che è considerato “normale”, considera di contattare un medico, un medico o un caregiver di fiducia per ulteriori informazioni e supporto. Mentre gli interventi e la terapia possono essere appropriati per alcuni individui, non sono necessari per tutti. A volte il modo migliore per guarire è accettare che l’adattamento e il recupero vadano oltre cinque semplici fasi. Le persone più vicine a te possono essere una grande fonte di supporto.

Riferimenti e approfondimenti: Consulenza per perdite e cambiamenti di vita (1997). Articolo 8- Fai attenzione alle 5 fasi del “dolore”. Estratto il 7 giugno 2007 da http://www.counselingforloss.com/article8.htm Carnelley, KB, Wortman, CB, Bolger, N., &Burke, CT (2006). Il corso temporale delle reazioni al lutto alla perdita del coniuge: prove da un campione probabilistico nazionale. Journal of Personality and Social Psychology Social , 91, 476-492. Harvey, JH, & Hansen, AM (2000). Perdita e lutto nelle relazioni sentimentali strette. In C. Hendrick & SS Hendrick (a cura di), Relazioni strette: un libro delle origini (pp. 359-370). Thousand Oaks, CA: Sage Publications, Inc. Jacobs, S. (1993). Dolore patologico: disadattamento alla perdita . Washington, DC: American Psychiatric Press. Maciejewski, PK, Zhang, B., Block, SD, Prigerson, HG, (2007). Un esame empirico della teoria scenica del dolore. Journal of American Medical Association , 297, 716-724. Marwit, SJ, &Carusa, SS (1998). Sostegno comunicato a seguito di perdita: Esame delle esperienze di morte dei genitori e divorzio dei genitori nell’adolescenza. Studi sulla morte , 22, 237-255. Pennebaker, JW, Zech, E. e Rime, B (2001). Divulgazione e condivisione di emozioni: conseguenze psicologiche, sociali e sanitarie. In MS Stroebe, W. Stroebe, RO Hansson e H. Schut (a cura di) Manuale di ricerca sul lutto: conseguenze, coping e cura (pagg. 517-539). Washington DC: Associazione Psicologica Americana. Wortman, CB, Wolff, K., Bonanno, GA (2004). Perdita di un partner intimo attraverso la morte. In DJ Mashek, DJ e A. Aron (a cura di), Manuale di vicinanza e intimità (pp.305-320). Mahweh, NJ: Lawrence Erlbaum Associates.

Anisa
Anisa
Anisa
MS, RD e scrittore
Anisa è consapevole che la crescita richiede tempo. Fornisce alle persone gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare le loro emozioni, migliorare la loro comunicazione e riflettere sul loro valore.
inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.1
Leggere
OneNightFriend
9.3
Leggere
BeNaughty
9.7
Leggere